Home » Gamestation » Recensione di Bayonetta 3 su Nintendo Switch

Recensione di Bayonetta 3 su Nintendo Switch

Disponibile da oggi il nuovo capitolo con la strega di Umbra ancora più provocante e lo fa in tutte le sue forme su Nintendo Switch; torna in nuova veste grafica e con varie edizioni anche da collezione. Prodotto da SEGA Bayonetta 3 è probabilmente l’action game per eccellenza con il suo stile particolare, design grafici di angeli e dei demoni vario e stravagante, collezionabili e sparsi ovunque, sfide sempre più ardue, gameplay frenetico e divertente, personaggi magnifici (in genere): tutto in Bayonetta 3 è fatto con una cura fantastica, senza tralasciare nessun dettaglio.

recensione-di-bayonetta-3-su-nintendo-switch-torna-la-strega-di-umbra-piu-carina-che-mai_2833275

Il gameplay è il suo punto di forza

La trama introduce dei nuovi nemici dal nome Homunculus, ed è quanto basta per prendere e tenere incollato allo schermo il giocatore per ore. Bayonetta 3 non fa della trama il suo punto di forza, il suo vero cavallo di battaglia è il gameplay, pieno di combo, frenetico, variegato e sempre spettacolare, anche da vedere, per non parlare delle svariate armi presenti, che, come accade per il primo gioco, è possibile combinare attaccandone una ai piedi ed utilizzandone una con le mani, questo rende il gameplay ancora più particolare, creando nuove combo con ogni combinazione di armi. Inoltre, nel gioco saranno presenti diversi accessori che miglioreranno o aggiungeranno caratteristiche a discapito di altre.

Nel gioco sono sempre presenti le sfide chiamate “Muspelheim”, queste erano presenti già nel secondo capitolo ed ognuna di queste presenta sfide diverse che, se completate, consegneranno un oggetto al giocatore, spesso queste sfide non sono semplicissime e richiederanno molto impegno per essere completate, come tutto il gioco, che, se giocato alla terza o Infinita Apoteosi risulterà abbastanza difficile e richiederà molte abilità aggiuntive, oltre ad una conoscenza decente di armi e nemici per sovrastare i vari “versetti” che verranno proposti.

Il gioco dispone di un comparto tecnico ottimo, con una grafica e il design delle aree che lascia più volte a bocca aperta, il tutto accompagnato da delle OST sempre azzeccate e calzanti, totalmente perfette per lo stile del gioco e magnifiche anche al di fuori dello stesso. Il gioco dispone anche di una forte rigiocabilità per via dei già citati collezionabili o sfide, o anche solo perché il gameplay , funziona alla grande, con il giocatore che vorrà continuare a giocare all’infinito (con la scusa magari di migliorare il punteggio).

https://it.blastingnews.com/tempo-libero/2022/10/recensione-di-bayonetta-3-su-nintendo-switch-torna-la-strega-di-umbra-piu-carina-che-mai-003579715.html

Bayonetta 3 non è esente da difetti, ma, in generale, è uno dei titoli, nonchè uno dei migliori action che si possa giocare, con un gameplay al top, inoltre, il titolo di casa Sega diverte come pochi.

Short URL: https://www.romanewpress.it/?p=3115

Scritto da su Ott 26 2022. Archiviato come Gamestation. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2022 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-