Home » Primo piano, Sport » La Juve continua a farsi male…da sola. Delirio Morinho. Roma,Napoli e Milan a punteggio pieno

La Juve continua a farsi male…da sola. Delirio Morinho. Roma,Napoli e Milan a punteggio pieno

La terza giornata di campionato si pare il Venerdì con Empoli -Venezia. Al Castellani i toscani sprofondano ai danni di un Venezia cinico e convinto di portare su casa una vittoria che poteva essere ancora più rotonda. 2–1 dei lagunari.

È inutile negarlo, la Juventus ha un problema portiere. Oggi, rispetto a prima si evidenzia un ruolo in cui non si era preso in considerazione è visto che su tre partite disputate, 2 e 1/2 sono state causate da Szczesny, si deve mettere in conto l’evidenza. A parte ciò, la Juventus ha mantenuto nel primo tempo ma è crollata nel secondo. Troppi giocatori lontano dalla forma e tanti che ancora devono capire cosa fare, e cosa sono in campo…. Intanto un solo punto in tre gare allontana momentaneamente i sogni di gloria ed evidenzia che qualcosa non và, ma forse il mister è la società non l’hanno ancora capito, visto che dai piani alti la fiducia ad Allegri è incondizionata comunque vada. Una squadra normale che deve ripartire dalle fondamenta, almeno quella vista nelle prime tre giornate. A Napoli dunque 2–1 e bianconeri ad un punto in tre giornate

Passo falso dell’Atalanta che in casa crolla a discapito di una Fiorentina formato Vlahovic. Il centravanti viola mette a segno due rigori che fanno morale e che mettono in evidenza il risveglio tardivo dei nerazzurri che riescono ad accorciare le distanze ma non trovano il pareggio.

Un giusto pareggio tra Sampdoria e Inter con due squadre che hanno avuto le loro occasioni per vincere e con sbagli sotto porta e salvataggi per entrambe. Possiamo mettere in conto anche il periodo non felice di Handanovic che negli ultimi periodi non aiuta come l’ha fatto in passato, un calo in genere di una squadra che deve mettere in conto un periodo particolarmente difficoltoso per tante squadre (in genere) nel gestire i cambi, con giocatori che rientrano dalle loro nazionali in ritardo e con minuti nelle gambe tutti da verificare. Si è notato anche a Genova così come a Napoli. Dunque un 2–2 a Genova che alla fine “accontenta” entrambe.

Il Milan riesce a battere la Lazio a San Siro in un 2–1 finale che mette in evidenza il ritorno di Ibra al gol e il rigore sbagliato di Kessie. Rossoneri più quadrati rispetto alla Lazio che fa un passo indietro rispetto alle due gare precedenti. Partita nervosa con espulsione di Sarri

Bella partita tra Spezia — Udinese con due squadre che cercano la vittoria e con i ragazzi di Gotti che la trovano nei minuti finali. Cagliari — Genoa con medesime ambizioni e con il solito Joao Pedro, il bomber infallibile che su rigore la mette dentro dopo 15 minuti e raddoppia con Ciappitelli con un gran gol di testa. Il Genoa accorcia il pareggio con Destro e pareggia e ribalta con Fares che mette a segno la doppietta. Rossoblu genoani corsari a Cagliari con padroni di casa che potevano pareggiare ma hanno sprecato troppo.

Torino — Salernitana, con i granata che si sbarazzano dei campani per 4–0. Troppo pesante il risultato per la squadra di Ribery.

La più bella partita della giornata si gioca all’Olimpico con due squadre messe bene in campo. Giocano bene Roma e Sassuolo, due squadre che velocizzano e ripartono in pochi passaggi e ove vale la pena pagare il biglietto. Partita spettacolare che mette in evidenza il portiere giallorosso con parate decisive ma, non da meno Consigli che salva spesso la porta del Sassuolo ma si arrende al gol di El Shaarawy entrato dalla panchina nel capolavoro di palo-gol. Poteva finire con qualsiasi risultato, l’ha vinta la Roma.

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=2748

Scritto da su Set 14 2021. Archiviato come Primo piano, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2021 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-