Home » Gamestation » Recensione Shenmue 3 per Ps4

Recensione Shenmue 3 per Ps4

Arriva oggi Shenmue 3 per PS4, un gioco che ha segnato un’epoca nella categoria degli Open World. Infatti era il 1999 quando Sega presentò il primo capitolo del videogame per Dreamcast che narrava le avventure di Ryo Hazuki, deciso a vendicare la morte del padre Iwao per mano di un misterioso assassino. La trama era ambientata in Giappone alla meta degli anni ’80: il titolo permetteva di interagire con l’ambiente circostante, camminare per le vie del giappone, fermare le persone, avere degli scontri fisici con i delinquenti della Yakuza, divertirsi in sala giochi, bere una lattina al distributore e tante altre azioni che in quel periodo erano una vera e propria innovazione, anche perché accompagnate da una veste grafica di livello.

Il secondo capitolo venne lanciato dapprima su Dreamcast (che ormai si avviava alla conclusione della sua commercializzazione) e poi su Xbox. La storia riprendeva le fila da dove si era interrotta. Il terzo videogame, invece, è stato atteso per diversi anni, poiché la trama non si era conclusa del tutto. Quando ormai i fan avevano perso le speranze di poter rivedere in azione Ryo Hazuki, nel 2015 durante l’E3 di Los Angeles arrivò l’annuncio di una raccolta fondi su Kickstater per mettersi al lavoro per la realizzazione dell’atto conclusivo della saga che è approdato sul mercato proprio a partire da oggi, 19 novembre.

Nel frattempo sono state immesse sul mercato anche le versioni rimasterizzate per PS4 e Xone che hanno consentito di rispolverare il videogame, anche se la sua giocabilità è risultata ormai un po’ datata. Inoltre bisogna ricordare che la serie intitolata Yakuza ha raccolto degnamente l’eredità lasciata da Shenmue, anche se non è mai riuscita a rimpiazzare del tutto le gesta di Ryo tra gli appassionati del genere.La giocabilità, come anticipato in precedenza, favorisce indubbiamente chi ha già giocato ai capitoli precedenti. Bisogna muoversi in varie zone parlando con i passanti, risolvendo degli enigmi, imparando nuove tecniche di combattimento e immergendosi appieno nei quartieri del posto, fino a quando non scatta l’ora di rientrare a casa per attendere l’inizio di un nuovo giorno. 

Il controllo di base è rimasto pressoché invariato, anche se sono stati introdotti alcuni perfezionamenti che rendono il videogioco qualitativamente migliore rispetto ai precedenti. Ad esempio si può controllare Ryo con il pad, osservare ciò che accade intorno a lui con la levetta analogica, utilizzare il grilletto destro per farlo correre e quello sinistro per guardare gli oggetti in modalità “prima persona”.

La funzione “talk” fa parte di questo terzo capitolo e, ovviamente,i miglioramenti rispetto al passato si notano.

Oltre a cercare indizi utili, se ci si perde in uno dei grandi ambienti del gioco si può parlare con una persona che funge da guida, e questa è indubbiamente un’aggiunta molto utile ai fini della prosecuzione del game. Qualora ci si dovesse incontrare con qualcuno o dirigere in un determinato luogo, si avrebbe la possibilità di spostarvisi rapidamente.

Inoltre è consentito camminare e trascorrere del tempo libero tra i meandri della città, anche se quest’opzione rallenta un po’ il ritmo di Shenmue 3.

Sarà possibile imbattersi in personaggi vecchi e nuovi e anche in questa circostanza ci sarà lo specchio della fenice. Ci saranno nuove mosse da apprendere e suggestive location da visitare. Merita una menzione particolare la colonna sonora con musiche da Oscar.

La grafica rimane un punto di forza di questo titolo. Tuttavia, qualcuno potrebbe rimanere deluso soprattutto se dovesse confrontarla con la qualità offerta da altri giochi come l’ultimo Death Stranding. Shenmue 3 è adatto soprattutto a chi ha amato la saga fin dai tempi del Dreamcast. Molto probabilmente il rilancio delle precedenti versioni in HD ha aiutato molto chi non vi aveva mai giocato prima d’ora. Di conseguenza, s’intuisce che ha poco senso cimentarsi con questo videogame se non se ne conoscono i capitoli del passato.

fonte paladinidelvideogioco.com

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=2279

Scritto da su Nov 19 2019. Archiviato come Gamestation. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-