Home » Gamestation » Recensione Toki Ps4

Recensione Toki Ps4




Di tutti i giochi retrò degli anni ’80 e ’90 che stanno ottenendo rifacimenti moderni in questi giorni, è probabilmente giusto dire che Toki non era esattamente sulla lista dei desideri della maggior parte dei giocatori. Anche se è stato un divertente platform di azione nel corso della storia degli arcade, uno di quei titoli che è rimasto molto nel cuore dei videogiocatori. Sembra che qualcuno abbia pensato che valesse la pena fare un remake, cosi ha pensato la casa francese Microids.

Ogni folletto, nemico e sfondo è stato disegnato a mano dall’artista di manga Philippe Dessoly e, di conseguenza, il gioco è di un livello elevato e graficamente sembra di vedere un cartone animato. Toki come detto, è stato un platforming arcade del 1989 che è stato importato su vari sistemi domestici, tra cui il NES (dove è stato reso più facile) e il Mega Drive (dove è stato ribattezzato Toki: Going Ape Spit). Racconta la storia di Toki, un capo tribù la cui adorata principessa Miho viene rapita da un malvagio stregone di nome Bashtar, Toki viene trasformato in un gorilla.

Toki - Recensione - GameScore - gamescore.it

Per fortuna, Toki scopre che la sua trasformazione ha uno strano effetto collaterale che presumibilmente il suo avversario malvagio non si aspettava: la capacità di sputare proiettili mortali e usare scarpe e caschi per proteggersi. In un certo senso, questo remake di Toki è simile al gioco originale anni ’80: togliendo la grafica nuova di zecca, sotto si trova lo stesso cuore arcade del gioco da sala. I fan dell’originale si sentiranno come a casa con questa nuova versione, poiché l’interezza del design del livello del gioco è stata mantenuta.

Lo sviluppatore ha anche resistito all’impulso di potenziare il set di mosse di Toki lasciando inalterato lo stile del gioco: può ancora sparare solo di lato, verso l’alto o in diagonale, il che significa che sputare con precisione rimane all’ordine del giorno. Tutto è rimasto quindi fedele all’originale arcade: tutto condito con il suo livello di difficoltà. Ognuno dei suoi sei livelli è pieno di momenti difficili e delicati.

Ciò dipende principalmente dal fatto che Toki muore con un colpo, il che significa che anche il minimo errore può significare una vita persa.

È particolarmente difficile durante i combattimenti con i boss: i boss richiedono un sacco di colpi per abbatterli, ma un semplice contatto contro di loro e si muore immediatamente, salvo che non abbiate una protezione. Il sistema di checkpoint è generoso per la maggior parte – perdi contro un boss e inizierai poco prima – ma perdi tutte le tue vite e verrai respinto all’inizio del livello. Anche nell’impostazione della difficoltà più semplice del gioco (che è quella predefinita e sembra più simile alla versione originale), C’è una ragione per questo, ovviamente.

Dato che si tratta di un gioco arcade, in realtà è molto breve, quindi questa maggiore difficoltà è lì per forzare ripetuti tentativi prima di vedere i titoli di coda. Una volta che hai imparato i dettagli di ciascuna delle sei fasi del gioco, e hai memorizzato dove sono gli oggetti e sai come battere i boss, puoi tranquillamente finire il gioco in meno di mezz’ora: la sfida arriva a quel punto, dato che richiederà alcune ore di pratica. Detto questo, se sei un appassionato fan del gioco platform il gioco fa per te.

Toki è un remaster assolutamente bellissimo, con fantastici sfondi disegnati a mano, un’animazione brillante dei personaggi e un design impressionante. Il gioco è divertente da giocare, perché in realtà è un gioco arcade nell’intimo del cuore. In quanto tale, i sei livelli non dureranno troppo a lungo. Uscito tempo fa su Switch questa versione per Ps4offre dei miglioramenti a livello grafico che permettono di sfruttare al meglio la console Sony.

fonte paladinidelvideogioco.blog

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=2143

Scritto da su Giu 14 2019. Archiviato come Gamestation. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-