Home » Gamestation » Recensione Motogp 2019 Ps4

Recensione Motogp 2019 Ps4

I giochi di moto in questi ultimi anni hanno lasciato un po’ a desiderare per qualità tecnica e giocabilità rispetto a quelli di auto come la serie Gran Turismo. La serie MotoGP, che ha visto la sua nascita nel lontano 2000 su ps2, negli anni si è contraddistinto per i suoi alti e bassi.

In sella alla moto a tutta velocità

Uscito sulle console Next Gen e anche Switch il gioco è sviluppato da Milestone. Imperdibile per gli amanti della MotoGP questo sia chiaro, anche se sul fronte del gameplay non sembra eccellere, in quanto anche nella modalità facile risulta particolarmente difficile gestire a pieno il controllo della moto.

Dotato di un gameplay veramente raffinato, zeppo di settaggi in grado di renderlo giocabile sia dai neofiti che dai più esperti, dimostrandosi profondo e appagante come pochi. Padroneggiare una MotoGP è un’esperienza capace di regalare grandi soddisfazioni, senza mai risultare frustrante; ogni curva necessita di tatticismo e cura chirurgica. Le modalità sono piuttosto numerose, l’inclusione dei piloti “classici” è una graditissima feature, la modalità carriera è buona anche se davvero limitata in quanto personalizzazione, peccato che tutto venga vanificato da un comparto tecnico che di next gen non fa gridare al miracolo. Graficamente è appena sufficiente e moto a parte i tracciati sono poveri di dettagli e texture.

Sonoro e gameplay non eccellenti

Il sonoro è anonimo, tra rombi di motori non proprio eccellenti, un commento audio pressoché assente e musiche trascurabili. Poi arrivano i bug, tra piloti dotati solo di testa e altri con posture innaturali, che di certo non bastano a rovinare l’esperienza, poiché l’ottimo gameplay rimane il fulcro di questa, ma l’impegno riposto sugli elementi non proprio di contorno è stato davvero minimo. Bello, impegnativo e profondo, ma non l’ottimo titolo che era lecito aspettarsi.

Più giocabilità, più personalizzazioni per ogni livello di guida, una grafica molto coinvolgente, oltre a tutto il 2019 e i migliori momenti del 2018.

Consigliato quindi per i veri fan del genere sportivo ma anche a chi si cimenta per la prima volta con un gioco di corsa su pista con licenza ufficiale MotoGp che vi terrà incollati ore e ore sullo schermo con gli amici o da solo, tenendo conto che avrete davanti un titolo simulativo e non un gioco di guida arcade.

La novità del gioco sicuramente è la modalità sfide storiche, un vero e proprio tuffo nel passato della MotoGP, dove avremo modo di rivedere alcuni dei momenti che hanno fatto la storia del motomondiale. Tale modalità, annunciata attraverso un comunicato stampa dalla stessa Milestone, include: 50 piloti storici della MotoGP; 35 moto della categoria 500cc; 3 tracciati storici (Laguna Seca 2013, Donington 2009 e Catalunya 2015).

fonte paladinidelvideogioco.blog

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=2137

Scritto da su Giu 7 2019. Archiviato come Gamestation. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-