Home » Primo piano, Resto del mondo » I gilet gialli mutilati da Macron: storie e numeri di cui nessuno parla

I gilet gialli mutilati da Macron: storie e numeri di cui nessuno parla

Parigi, 9 mar – La domanda nasce spontanea: ma Fazio lo sapeva? La risposta è comunque ininfluente: informato o meno sui fatti francesi, sarebbe di nuovo pronto a srotolare il tappeto rosso e ripassare il manuale da perfetto lacchè. Perché di Emmanuel Macron si deve parlare unicamente bene. Ritrarlo come il volto “pulito e rassicurante” di un’Europa democratica e pacifica.

Pirandello lo ascriverebbe di diritto nella categoria “maschere”: non che il vero volto sia migliore, anzi. Così, mentre Monsieur Macron appariva sereno e sorridente al cospetto di Fazio il ruffiano, i cattivissimi gilet gialli proseguivano non solo la conta dei feriti, ma pure quella dei mutilati. “Proiettili non letali, di gomma”, dicevano: eppure i danni procurati dalle cariche della polizia contro i manifestanti restituiscono un autentico bollettino di guerra. Numeri e storie troppo forti, scomode e dicotomiche rispetto a quel ritratto da “bravo ragazzo” e “enfant prodige”  che del presidente hanno voluto dipingere.

A scoperchiare il vaso di Pandora, a guardarci dentro e documentare quanto visto, ci pensa The Guardian con un video-testimonianza postato su Twitter. Il commento che ne segue è un estratto di storie, volti e corpi mutilati: “Antoine ha perso la mano durante una protesta di gilet Jaunes a Bordeaux. Lo stesso giorno Patrice ha perso la vista nel suo occhio destro a Parigi. Condividono le loro storie ora che la polizia francese è sotto controllo dell’Onu per l’utilizzo di armi esplosive contro i manifestanti”.

Così, appare subito questo Antoine di cui si scrive: ragazzo giovanissimo che mostra quel che rimane del suo braccio. Come un fiammifero consumato, avvolto da una benda: un danno fisico e psicologico che lo segnerà in eterno. Stride, allora, l’immagine sorridente e forzatamente angelica che il mondo mainstream e molta stampa italiana restituisce del “democratico Macron”.

Viene inoltre da chiedersi: chi sono le vittime e chi i carnefici? Chi si è conquistato l’onore, su un campo duro di battaglia e chi dovrà contare proprie, immense, responsabilità? In Francia neppure i disabili sono stati risparmiati: e prendersela con gli indifesi è la più grande delle viltà. Come in una favola di Esopo, sebbene purtroppo si tratti di realtà scomoda ma inconfutabile, che si tragga la debita morale: l’apparenza è un inganno vigliacco. E un gilet giallo non sarà mai criminale tanto quanto “l’enfant prodige”che sorride incravattato, ipocritamente perfetto. Peccato che Fazio il ruffiano si sia scordato le domande più importanti, nella sua intervista stucchevole e lecchina: del resto l’emozione dei vili gioca spesso brutti scherzi.

Chiara Soldani

fonte: https://www.ilprimatonazionale.it/esteri/gilet-gialli-mutilati-macron-storie-numeri-107567/

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=1347

Scritto da su Mar 11 2019. Archiviato come Primo piano, Resto del mondo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-