Home » Leggila Pucci, Politica » La radice del male profondo

La radice del male profondo

Lo strapotere della finanza globalizzata è conclamato. Ormai anche il cittadino più distratto o disinteressato ha capito che comandano i Mercati, lo spread ha assunto un’importanza epica, inaudita, e la maggioranza delle persone si impoverisce ogni giorno che passa. Le ultime vicissitudini del Governo italiano con la finanziaria 2019 lo hanno tristemente confermato. Ma come è stato possibile che l’Italia passasse, negli ultimi decenni, da quarta potenza industriale del mondo a Paese in profonda crisi economica e sociale? Non basta pensare all’Europa come ad un’entità astratta cui addebitare genericamente i nostri mali. Francesco Amodeo, giornalista e blogger, racconta a Byoblu che la nostra crisi è stata voluta, premeditata e perseguita da un “cartello finanziario” composto da un ristretto numero di persone legate fra loro. Una tesi complottista? Forse. Ma ben documentata da fonti ufficiali, dati economici oggettivi e soprattutto mai contestata dai protagonisti di quelle élite che Francesco Amodeo accusa.

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=482

Scritto da su Gen 30 2019. Archiviato come Leggila Pucci, Politica. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-