Home » Cinema, Leggila Pucci » Bohemian Rhapsody: Malek will love you

Bohemian Rhapsody: Malek will love you

Dopo una lunghissima attesa, nei cinema di tutta Italia è arrivato Bohemian Rhapsody, l’attesissimo film sulla storia di una delle band più importanti della storia del rock: i Queen.

Lo sbarco nelle sale italiane di Bohemian Rhapsody, firmato dal regista Bryan Singer, avviene con notevole ritardo rispetto a tutto il mondo. “Solo” il 29 novembre 2018″. Nel frattempo, però, la pellicola è riuscita già a laurearsi come biopic musicale che ha incassato di più nella storia del cinema.Il protagonista e leader della band, Freddie Mercury, è interpretato dall’attore statunitense di origini egiziane Rami Malek.

La “gestazione” del film è stata lunghissima. Annunciato da Brian May, chitarrista dei Queen, intorno al 2010, negli anni la produzione della pellicola vive momenti di grande difficoltà.

Prima la sostituzione di Sacha Baron Cohen dal ruolo di protagonista, poi l’avvicendamento in regia tra Dexter Fletcher e Bryan Singer. Il primo, infatti, è stato rimosso per disaccordi con i membri rimasti della band.A fine 2017 tuttavia arriva l’allontanamento anche per Bryan Singer. Il nome del regista rimane però l’unico accreditato alla regia del film, dopo la sua pubblicazione.

BOHEMIAN RHAPSODY FILM | TRAMA

Il tema principale su cui ruota il film è la ricerca della propria identità. Un argomento su cui è ruotata anche tutta la vita del protagonista, Freddie Mercury.

Non solo la vita pubblica, musicale, da icona leggendaria del cantante e della sua band, dunque, ma anche il lato umano, quello più sconosciuto. E soprattutto più fragile. Bohemian Rhapsody parte da ciò che è successo prima dell’incontro con il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor. Dal ragazzo che lavora come facchino nell’aeroporto di Heathrow all’inizio di una carriera che lo porterà a trasformarsi dall’anonimo Farrokh Bulsara al leggendario Freddie Mercury.

Nato il 5 settembre 1946 nell’isola di Zanzibar, Freddie Mercury (al secolo Farroch Bulsara) era figlio di un politico inglese. Per seguire il padre durante il suo lavoro, il piccolo Farroch studia prima a Bombay, in India, poi completa gli studi in Inghilterra.

Dopo la scuola, il ragazzo decide di iscriversi all’Istituto d’Arte Ealing, dove si laurea in arte e design. Nel frattempo, però, inizia a coltivare la sua passione per la musica.

Bravissimo a suonare il piano, inizia a cantare con alcuni piccoli gruppi, prima di incontrare Brian May e Roger Taylor.

Con loro, nel 1970, fonda i Queen. Da allora, la sua vita (e quella di milioni di fan in tutto il mondo) cambia per sempre. Il nome della band viene suggerito proprio dal cantante.

Per il nome d’arte, Farroch decide di affiancare “Mercury” al nome Freddie in onore del mitologico messaggero degli dei. La band viene completata, nel 1971, con John Deacon al basso.

In pochi anni Mercury dimostra tutte le sue doti, non solo canore, ma anche da palcoscenico. Il cantante infatti diventa un vero e proprio performer a tutto tondo, con una gestualità e una mimica che mischiano drammaticità e fascino.

In venti anni di carriera con i Queen, Mercury canta in oltre 700 concerti.

Mercury non nasconde la sua omosessualità e diventa così anche un simbolo per tanti che invece, nella quotidianità, vivono con difficoltà la possibilità di farsi accettare dagli altri.

Mercury, ammalatosi di Aids negli anni Ottanta, scompare prematuramente il 24 novembre 1991 per una polmonite.

BOHEMIAN RHAPSODY FILM | CAST

Oltre al protagonista Rami Malek, nel ruolo di Freddie Mercury, ecco il cast del film Bohemian Rhapsody, con accanto il personaggio interpretato da ogni attore:

  • Ben Hardy: Roger Taylor
  • Joseph Mazzello: John Deacon
  • Gwilym Lee: Brian May
  • Lucy Boynton: Mary Austin
  • Aidan Gillen: John Reid
  • Tom Hollander: Jim Beach
  • Allen Leech: Paul Prenter
  • Mike Myers: Ray Foster
  • Aaron McCusker: Jim Hutton
  • Dermot Murphy: Bob Geldof
  • Meneka Das: Jer Bulsara
  • Ace Bhatti: Bomi Bulsara

BOHEMIAN RHAPSODY | SIGNIFICATO

Il titolo del film sulla vita di Freddie Mercury, Bohemian Rhapsody, è lo stesso di una delle più famose canzoni dei Queen.

Il testo è stato scritto dallo stesso Mercury nel 1975, nella sua casa di Kensington. È uno dei più originali e controversi che il cantante abbia mai scritto, ma anche uno dei più lunghi: la canzone dura infatti quasi sei minuti.

Per quanto riguarda il significato, secondo molti critici e appassionati questo testo è il mezzo con cui Mercury ha voluto rivelare al mondo la sua omosessualità. L’artista, nonostante non abbia mai nascosto il suo orientamento, non ha mai voluto spiegare cosa lo ha portato a scrivere Bohemian Rhapsody.

Pubblicata il 31 ottobre 1975, nonostante la lunghezza e la difficoltà del testo, divenne subito un successo planetario.

La bravura travolgente di Malek e degli altri protagonisti lascia lo spettatore inchiodato allo schermo per 134 minuti, in un altalenarsi di risa e commozione, un film che ti fa cantare, emozionare e ballare se fosse possibile tutto il tempo. Un film molto criticato per le non verità o il non rispetto di alcune notizie ad esempio la confessione della malattia di Mercury, che avvenne in realtà nell”87 quindi dopo il concerto di Wembley ma non ce ne vogliate se noi lo abbiamo amato allora e lo abbiamo amato ancora una volta nella sua trasposizione cinematografica. Ammesso e non concesso che di Mercury ce ne sia stato solo uno, noi abbiamo amato molto la ricostruzione fatta di ogni singolo pezzo fino al concerto finale per il live Aid. Non sappiamo quale diavolo di effetto speciale sia stato usato per ricostruire l’evento, ma la scena in cui Mercury duetta con il pubblico ci lascia qualcosa di essenziale a proposito del rapporto tra la band e i suoi fan. Malek leader assoluto del bio-pic merita per la sua performance i migliori complimenti: “La fortuna aiuta gli audaci” del resto. Film da vedere e rivedere al diavolo i difetti e le critiche.

Short URL: http://www.romanewpress.it/?p=84

Scritto da su Gen 23 2019. Archiviato come Cinema, Leggila Pucci. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce

Lascia un commento

 

 

 

paladini-del-videogioco

© 2019 Roma NewPress. All Rights Reserved. Accedi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
-